martedì 20 ottobre 2020 Vai al profilo Facebook dell'Associazione

DPCM 13 OTTOBRE: NUOVE DISPOSIZIONI COVID-19

Dopo la Delibera del Consiglio dei Ministri del 7 ottobre scorso, con la quale è stato prorogato al 31 gennaio 2021 “lo stato di emergenza” su tutto il territorio nazionale, negli ultimi giorni sono stati emanati altri provvedimenti contenenti una serie di nuove indicazioni per fronteggiare l’emergenza Coronavirus.

Con il  Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (DPCM) del 13 ottobre, che resterà in vigore fino al prossimo 13 novembre, è stato ribadito l’obbligo dell’uso delle mascherine sia in luoghi chiusi e all’aperto.

Il nuovo decreto, infatti, conferma l’obbligo di portare sempre con sé la mascherina e di indossarla sia nei luoghi chiusi diversi dall’abitazione che all’aperto ad eccezione dei casi in cui, per le caratteristiche dei luoghi o per le circostanze di fatto, sia garantita in modo continuativo la condizione di isolamento rispetto a persone non conviventi. Rimangono le eccezioni riguardanti i bambini sotto i 6 anni e le persone con patologie o disabilità incompatibili con l’uso dei dispositivi.

Inoltre viene “fortemente raccomandato” l’utilizzo delle mascherine “anche all’interno delle abitazioni private in presenza di persone non conviventi”.

Non sono state previste novità per quanto riguarda le tipologie di mascherine utilizzabili: è stata confermato infatti l’utilizzabilità delle mascherine di comunità, mascherine monouso o lavabili, anche autoprodotte.

Nei luoghi di lavoro rimangono in vigore i protocolli e le linee guida anti-contagio previsti per le attività economiche, produttive, amministrative e sociali, con l’obbligo per il personale che presta servizio in queste attività di indossare la mascherina a prescindere dal luogo di svolgimento dell’attività. Le mascherine autoprodotte o di comunità non possono essere usate dai lavoratori nei luoghi di lavoro, ove devono essere usate mascherine chirurgiche o KN95/FFP2.

L’utilizzo delle mascherine si aggiunge alle altre misure di protezione finalizzate alla riduzione del contagio, come il distanziamento fisico e la disinfezione costante e accurata delle mani, che restano prioritarie.

Una novità del Dpcm riguarda le attività dei Servizi di Ristorazione, fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie, specificando che dette attività sono consentite sino alle ore 24.00 con consumo al tavolo e sino alle ore 21.00 in assenza di consumo al tavolo.

Resta sempre consentita la ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico-sanitarie e dei protocolli e linee-guida di settore sia per l’attività di confezionamento che di trasporto, nonché la ristorazione con asporto, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze dopo le ore 21 e fermo restando l’obbligo di rispettare la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro.

Restano sospese le attività di sale da ballo, discoteche e locali assimilati. Così come sono vietate le feste nei luoghi al chiuso e all’aperto. Le feste conseguenti alle cerimonie civili o religiose sono consentite con la partecipazione massima di 30 persone nel rispetto dei protocolli e delle linee guida vigenti.

Con riguardo alle abitazioni private, è fortemente raccomandato di evitare feste, nonché di evitare di ricevere persone non conviventi di numero superiore a sei.

Elenco notizie

Area riservata


   Dimenticato i dati?

Sommario pagina


I nostri recapiti

Crema
Telefono: 0373/87112
Fax: 0373/84826
E-mail: info@pec.autonomartigiani.it

Pandino
Telefono: 0373/970436 
Fax: 0373/970436
E-email: pandino@pec.autonomartigiani.it

Sommario pagina


Realizza con noi il tuo progetto, vieni a conoscerci FondArtigianato Formazione Gli artigiani in vetrina Offerte di lavoro La PEC per le imprese artigiane Job Talent è il portale per i servizi al lavoro della rete Confartigianato/E.L.F.I. TgConfartigianato, canale YouTube